2022 – Porto Ercole (GR)

PORTO ERCOLE (GR) gennaio 2022 Porto Ercole è una frazione del comune di Monte Argentario, nella provincia di Grosseto. Posto nella Maremma Grossetana e parte della Costa d’Argento all’estremità meridionale della Toscana, ha una grande tradizione marinaresca. La località, nota per la sua vocazione turistica, è centro di rilevanza internazionale per la vela e la nautica da diporto. Con Porto Santo Stefano, costituisce uno dei due abitati maggiori che formano il comune. esso il suo inserimento nella lista dei borghi più belli d’Italia dell’ANCI. La storia di Porto Ercole ha inizio già in epoca etrusca poi il piccolo centro…

Leggi tutto

2021 – Castiglione della Pescaia (GR)

CASTIGLIONE della PESCAIA Novembre 2021 Una passeggiatina autunnale a Castiglione della Pescaia, in un tardo pomeriggio di novembre in cerca di qualche scatto interessante. Non è la prima e non sarà l’ultima escursione in paese con le mie Nikon. A presto … (© Foto LINICCHI) Per avere le foto per pubblicazioni editoriali ORDINA VIETATA QUALSIASI PUBBLICAZIONE SENZA AUTORIZZAZIONE E SENZA SPECIFICARE: “da www.maremmapress.it”  

Leggi tutto

2021 – Pitigliano (GR)

PITIGLIANO (GR) settembre 2021 Pitigliano è un comune della provincia di Grosseto nella parte occidentale dell’area del Tufo, al confine con il Lazio. Il paese sporge da un grande sperone di tufo, assolutamente a strapiombo. La rupe di Pitigliano è circondata su tre lati da altrettanti burroni, pieni di grotte scavate nel tufo; nel fondovalle scorrono i corsi d’acqua Lente, Meleta e Prochio. Pitigliano era già un luogo frequentato e abitato sin dai tempi degli etruschi, quando qui furono fondati numerosi insediamenti scavati nel tufo e attestati dalla tarda età del Bronzo (XII-XI…

Leggi tutto

2021 – Sovana (GR)

SOVANA frazione di Sorano (GR) settembre 2021 Sovana è una frazione del comune italiano di Sorano, nella provincia di Grosseto, in Toscana. Dista circa 75 km da Grosseto e poco meno di 9 km dal capoluogo comunale. È conosciuta come importante centro etrusco, borgo medievale e rinascimentale, nonché sede episcopale. Il centro sorge nel Pianetto di Sovana, piccolo fondovalle che si sviluppa tra le colline dell’Albegna e del Fiora, a quote comprese tra i 200 e i 300 metri s.l.m., nel cuore dell’area del Tufo sulla riva sinistra del fiume Fiora.…

Leggi tutto

2021 – Sorano (GR)

SORANO (GR) settembre 2021 Il territorio comunale di Sorano si estende nella parte orientale dell’area del Tufo. Confina a nord con il comune di Castell’Azzara, a est con i comuni laziali di Acquapendente, Proceno, Onano e Latera, a sud con il comune di Pitigliano, a ovest con i comuni di Manciano e Semproniano. Il capoluogo comunale è situato 379 m s.l.m. su una rupe di tufo che, da est, domina un tratto del corso del fiume Lente; si trova al centro di un territorio che si sviluppa prevalentemente a quote collinari, seppur intervallato da conche e rilievi. L’altitudine più bassa si registra nel Pianetto di Sovana, presso l’omonima località, con…

Leggi tutto

2021 – Paganico (GR)

PAGANICO frazione di Civitella Paganico (GR) settembre 2021 Paganico è una frazione del comune  di Civitella Paganico, nella provincia di Grosseto, in Toscana. Situata alla confluenza del fiume Ombrone con il torrente Lanzo, a circa venti km a nord-est del capoluogo, è raggiungibile dalla SS 223 tra Grosseto e Siena, all’incrocio con la strada che porta al Monte Amiata. Il territorio circostante è in prevalenza pianeggiante e coltivato in maniera intensiva, specie in prossimità del fiume. La zona collinare è occupata da macchia mediterranea alternata ad ampi prati e oliveti. Il nucleo abitato fu edificato alla fine del XIII…

Leggi tutto

2021 – Potassa (GR)

POTASSA frazione di Gavorrano (GR) agosto 2021 Il paese di Potassa è situato in pianura, nell’area delle Colline metallifere nella Maremma grossetana, alle pendici delle propaggini settentrionali del Monte Calvo (468 m s.l.m.) e di quelle meridionali di Poggio all’Ulivo (141 m) e Poggio Moscatello (239 m). Potassa sorge a ridosso della ferrovia Tirrenica e della superstrada Variante Aurelia. Il borgo è distante circa 7 km dal capoluogo comunale e poco più di 30 km da Grosseto. La frazione è sorta tra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolo e si sviluppò maggiormente a…

Leggi tutto

2021 – Monte Antico (GR)

MONTE ANTICO frazione di Civitella Paganico (GR) settembre 2021 Situata sulle rive del fiume Ombrone, a circa 20 km a est del capoluogo comunale, la frazione sorge in un nodo ferroviario di importanza regionale come fermata lungo la ferrovia Grosseto-Siena e come capolinea della ferrovia Asciano-Monte Antico. Monte Antico nacque come nucleo abitato prima dell’anno mille, in una posizione dominante sulla valle dell’Ombrone come possedimento degli Ardengheschi, che vi costruirono un primo castello con relativa corte. Il castello vero e proprio assunse l’aspetto che in parte conserva ancora oggi nel corso del Trecento, quando il…

Leggi tutto

2021 – Ex Miniera Baciolo, Boccheggiano (GR)

EX MINIERA del BACIOLO Fonte Verdi e Agriturismo La Quercia Boccheggiano, Montieri (GR) settembre 2021 La miniera del Baciolo a Boccheggiano, importante pozzo di estrazione di pirite del secolo scorso, oggi completamente smantellata, fa parte del Geoparco delle Colline Metallifere, Tuscan mining Geopark, nella rete UNESCO dei Geoparchi. Lungo la strada che dal paese di Boccheggiano porta alla miniera, è ancora ben conservata una caratteristica fonte lavatoio, Fonte Verdi. Accanto alla miniera oggi è attivo l’Agriturismo La Quercia.  (VEDI TUTTO NELLE FOTO SOTTO) Nella miniera del Baciolo ha lavorato il…

Leggi tutto

2021 – Convento di Monte Muro (GR)

CONVENTO DI MONTE MURO Scarlino (GR) settembre 2021 Il convento, si trova all’interno delle Bandite di Scarlino. La struttura sorse nel Trecento come rifugio per i Frati dell’Opinione, condannati come eretici. Nel 1420, vi si insediò il Beato Tommaso da Firenze, denominato poi da Scarlino; successivamente passò agli Osservanti di San Bernardino; intorno al 1460 fu interamente ricostruito. Nel secolo XVI fu ripetutamente attaccato e saccheggiato dai saraceni. Nel 1809, nell’ambito delle soppressioni napoleoniche, fu alienato e trasformato in casa colonica. I ruderi pervenuti, benché parzialmente invasi dalla vegetazione, consentono di individuare l’impianto quattrocentesco del convento e della chiesa a navata unica. Accanto…

Leggi tutto